Torna alla Homepage

martedì 5 aprile 2022

La "giustificazione" del genocidio


La Russia ha dichiarato apertamente il suo desiderio di sterminare gli ucraini come nazione 

Per tutte e tutti coloro che, anche all'interno del movimento pacifista e della sinistra, avallano in pieno o in parte le argomentazioni del regime russo in merito agli scopi dell'invasione dell'Ucraina e che minimizzano la brutalità di quella invasione, vogliamo che leggano ciò che solo due giorni fa, il 3 aprile, a massacro di Bucha ampiamente già documentato, ha pubblicato l'agenzia di stampa statale russa RIA News in un articolo, che chiede il genocidio degli ucraini.  

Timofey Sergeytsev, l'autore dell'articolo "Cosa dovrebbe fare la Russia con l'Ucraina", giustifica la necessità di repressioni di massa contro gli ucraini per costringerli ad abbandonare la propria nazionalità, cultura e lingua. 

Usa il termine della propaganda russa "ucrainismo" per descrivere "una costruzione artificiale anti-russa che non ha un proprio contenuto di civiltà, un elemento subordinato di una civiltà aliena ed estranea"

La tesi principale dell'articolo è lo sterminio degli ucraini come gruppo etnico non solo attraverso la "denazificazione" e la "debanderizzazione", ma anche attraverso la cosiddetta "de-Ucrainizzazione" - "un rifiuto dell'inflazione artificiale su larga scala della componente etnica di auto-identificazione della popolazione dei territori della storica Piccola Russia (Malorossiya) e Nuova Russia (Novorossiya), iniziata dalle autorità sovietiche". L'autore aggiunge che "la denazificazione dell'Ucraina è anche la sua inevitabile de-europeizzazione"

Si tratta, lo sottolineiamo pubblicata dall'agenzia statale, di un testo che ha poco a che invidiare al Mein kampf. Salvo la grottesca e tragicamente misera giustificazione "antinazista".

L'articolo è intriso di cultura profondamente e beceramente reazionaria, degna della Vandea della fine del XVIII secolo e della restaurazione postgiacobina, una cultura nella quale l'autore vorrebbe iscrivere, paradossalmente, perfino la Rivoluzione d'Ottobre.

E consente anche facilmente di comprendere il retroterra culturale e politico che anima reparti non irrilevanti dell'esercito occupante e che possono facilmente aver portato a perpetrare eccidi come quello di Bucha, che la propaganda del regime russo cerca in maniera mostruosa e sgraziata di attribuire agli stessi ucraini. 

La traduzione completa dell'articolo si trova qui sotto. 

Cosa dovrebbe fare la Russia con l'Ucraina

di Timofey Sergeytsev, dal ria.ru

Nell'aprile dello scorso anno, abbiamo scritto sull'inevitabilità della denazificazione dell'Ucraina. Non abbiamo bisogno dell'Ucraina nazista, bandera, nemica della Russia, e strumento dell'Occidente per la distruzione della Russia. 

Oggi, la questione della denazificazione si è spostata su un piano pratico. La denazificazione è necessaria quando una parte significativa del popolo - molto probabilmente la maggioranza - è stata padroneggiata e trascinata nel regime nazista nella sua politica. Questo è quando l'ipotesi "il popolo è buono - il governo è cattivo" non funziona. 

Il riconoscimento di questo fatto è la base della politica di denazificazione, di tutte le sue misure, e il fatto stesso è il suo oggetto. L'Ucraina si trova in una situazione del genere. Il fatto che l'elettore ucraino abbia votato per la "pace di Poroshenko" e per la "pace di Zelenskyy" non dovrebbe essere fuorviante - gli ucraini erano abbastanza soddisfatti della via più breve alla pace attraverso la guerra lampo, che gli ultimi due presidenti ucraini hanno trasparentemente accennato quando sono stati eletti. 

È stato questo metodo di "pacificazione" degli antifascisti interni - attraverso il terrore totale - che è stato usato a Odessa, Kharkiv, Dnipro, Mariupol e altre città russe. E questo andava bene per l'uomo della strada ucraino. La denazificazione è un insieme di misure nei confronti della massa nazificata della popolazione, che tecnicamente non può essere sottoposta a punizione diretta come criminali di guerra. 

I nazisti che hanno preso le armi devono essere distrutti al massimo sul campo di battaglia. Non ci dovrebbero essere differenze significative tra le Forze Armate dell'Ucraina e i cosiddetti battaglioni nazionali, così come la difesa territoriale che ha unito questi due tipi di formazioni militari. Tutti loro sono ugualmente coinvolti in estrema crudeltà contro la popolazione civile, ugualmente colpevoli del genocidio del popolo russo, e non rispettano le leggi e i costumi di guerra. 

I criminali di guerra e i nazisti attivi devono essere puniti in modo esemplare ed esponenziale. Ci deve essere una pulizia totale. Tutte le organizzazioni che si sono associate alla pratica del nazismo devono essere liquidate e bandite. 

Tuttavia, oltre ai vertici, è colpevole anche una parte significativa delle masse, che sono nazisti passivi, complici del nazismo. Hanno sostenuto e assecondato il potere nazista. La giusta punizione di questa parte della popolazione è possibile solo come sopportazione delle inevitabili difficoltà di una guerra giusta contro il sistema nazista, condotta nel modo più attento e prudente possibile nei confronti dei civili. 

Un'ulteriore denazificazione di questa massa della popolazione consiste nella rieducazione, che si ottiene con la repressione ideologica (la soppressione) degli atteggiamenti nazisti e con una severa censura: non solo nella sfera politica ma anche necessariamente nella sfera della cultura e dell'educazione. 

Attraverso la cultura e l'educazione è stata preparata e realizzata una profonda nazificazione di massa della popolazione, assicurata dalla promessa dei dividendi della vittoria del regime nazista sulla Russia, dalla propaganda nazista, dalla violenza interna e dal terrore, nonché dalla guerra di otto anni con il popolo del Donbass che si è ribellato al nazismo ucraino. 

La denazificazione può essere effettuata solo dal vincitore, il che implica: 

  1. il suo controllo assoluto sul processo di denazificazione e 
  2. il potere di assicurare tale controllo. In questo senso, un paese denazificato non può essere sovrano. 
Lo stato denazificatore - la Russia - non può procedere da un approccio liberale nei confronti della denazificazione. L'ideologia del denazificatore non può essere contestata dal colpevole sottoposto a denazificazione. Il riconoscimento da parte della Russia della necessità di denazificare l'Ucraina significa il riconoscimento dell'impossibilità dello scenario della Crimea per l'intera Ucraina. 

Tuttavia, questo scenario era impossibile nel 2014 e nel Donbass ribelle. Solo otto anni di resistenza alla violenza e al terrore nazista hanno portato alla coesione interna e a un consapevole e inequivocabile rifiuto di massa di mantenere qualsiasi unità e connessione con l'Ucraina, che si definiva una società nazista. 

I termini della denazificazione non possono assolutamente essere inferiori a una generazione, che deve nascere, crescere e raggiungere la maturità nelle condizioni della denazificazione. La nazificazione dell'Ucraina continuò per più di 30 anni, a partire almeno dal 1989, quando il nazionalismo ucraino ricevette forme legali e legittime di espressione politica e condusse il movimento di "indipendenza" verso il nazismo. 

La peculiarità della moderna Ucraina nazificata sta nell'amorfia e nell'ambivalenza, che rendono possibile mascherare il nazismo come desiderio di "indipendenza" e un percorso "europeo" (occidentale, filoamericano) di "sviluppo" (in realtà - di degradazione), per affermare che in Ucraina "non c'è nazismo, solo eccessi individuali privati". Dopo tutto, non c'è nessun partito nazista principale, nessun Fuhrer, nessuna legge razziale in piena regola (solo la loro versione troncata sotto forma di repressioni contro la lingua russa). 

Di conseguenza, non c'è opposizione e resistenza al regime. Tuttavia, tutto ciò non fa del nazismo ucraino una "versione leggera" del nazismo tedesco della prima metà del XX secolo. Al contrario, poiché il nazismo ucraino è libero da tali quadri e restrizioni di "genere" (essenzialmente tecnologia politica), esso si dispiega liberamente come base fondamentale di ogni nazismo - come razzismo europeo e, nella sua forma più sviluppata, americano. 

Pertanto, la denazificazione non può essere effettuata in un compromesso, sulla base di una formula come "NATO - no, UE - sì". Lo stesso Occidente collettivo è l'ideatore, la fonte e lo sponsor del nazismo ucraino, mentre i quadri della Bandera occidentale e la loro "memoria storica" sono solo uno degli strumenti per la nazificazione dell'Ucraina. L'ucrainismo porta non meno, ma una minaccia più grande per il mondo e la Russia del nazismo tedesco della versione hitleriana. 

Il nome "Ucraina" apparentemente non può essere mantenuto come titolo di qualsiasi entità statale completamente denazificata in un territorio liberato dal regime nazista. Le repubbliche popolari appena create nello spazio liberato dal nazismo dovrebbero crescere e cresceranno dalla pratica dell'autogoverno economico e della sicurezza sociale, dal ripristino e dalla modernizzazione dei sistemi di supporto vitale della popolazione. 

Infatti, le loro aspirazioni politiche non possono essere neutrali - l'espiazione della colpa di fronte alla Russia per averla trattata come un nemico può essere realizzata solo affidandosi alla Russia nei processi di restauro, rinascita e sviluppo. Nessun "piano Marshall" dovrebbe essere permesso per questi territori. Non ci può essere "neutralità" in senso ideologico e pratico, compatibile con la denazificazione

I quadri e le organizzazioni che sono lo strumento della denazificazione nelle repubbliche appena denazificate non possono che contare sul diretto sostegno militare e organizzativo della Russia. La denazificazione sarà inevitabilmente anche una de-Ucrainizzazione - un rifiuto dell'inflazione artificiale su larga scala della componente etnica di auto-identificazione della popolazione dei territori della storica Piccola Russia (Malorossiya) e della Nuova Russia (Novorossiya), iniziata dalle autorità sovietiche. 

Essendo uno strumento della superpotenza comunista, dopo la sua caduta, l'etnocentrismo artificiale non è rimasto senza proprietario. In questa veste ufficiale, è passato sotto l'autorità di un'altra superpotenza (il potere che sta sopra gli stati) - la superpotenza dell'Occidente. Deve essere restituito ai suoi confini naturali e privato della funzionalità politica. 

A differenza, per esempio, della Georgia e dei paesi baltici, l'Ucraina, come la storia ha dimostrato, è impossibile come stato-nazione, e i tentativi di "costruirne" uno portano naturalmente al nazismo. L'ucrainismo è una costruzione artificiale anti-russa che non ha un proprio contenuto di civiltà, un elemento subordinato di una civiltà aliena ed estranea. La debanderizzazione da sola non sarà sufficiente per la denazificazione - l'elemento Bandera è solo un interprete e uno schermo, un travestimento per il progetto europeo dell'Ucraina nazista, quindi la denazificazione dell'Ucraina è anche la sua inevitabile de-europeizzazione. 

L'élite Bandera deve essere liquidata, la sua rieducazione è impossibile. Il "pantano" sociale, che l'ha sostenuta attivamente e passivamente con l'azione e l'inazione, deve sopravvivere alle difficoltà della guerra e assimilare l'esperienza come lezione storica ed espiazione della sua colpa. Coloro che non hanno appoggiato il regime nazista, hanno sofferto di esso e della guerra da lui scatenata nel Donbas, devono essere consolidati e organizzati, devono diventare il pilastro del nuovo governo, verticale e orizzontale. 

L'esperienza storica dimostra che le tragedie e i drammi della guerra giovano ai popoli che sono stati tentati e trascinati dal ruolo di nemico della Russia. La denazificazione come obiettivo di un'operazione militare speciale nel quadro di questa stessa operazione è intesa come una vittoria militare sul regime di Kiev, la liberazione dei territori dai sostenitori armati dei nazisti, l'eliminazione dei nazisti implacabili, la cattura dei criminali di guerra, e la creazione di condizioni sistemiche per la successiva denazificazione in tempo di pace. 

Quest'ultima, a sua volta, dovrebbe iniziare con la creazione di organi di autogoverno locale, di polizia e di difesa, ripuliti dagli elementi nazisti, avviando sulla loro base i processi di fondazione di una nuova statualità repubblicana, integrando questa statualità in stretta collaborazione con il dipartimento russo per la denazificazione dell'Ucraina (di nuova creazione o convertito, diciamo, da Rossotrudnichestvo, l'agenzia della Federazione russa per gli affari della Comunità degli Stati indipendenti), con l'adozione sotto il controllo russo del quadro normativo repubblicano (legislazione) sulla denazificazione, la definizione dei confini e del quadro per l'applicazione diretta del diritto russo e della giurisdizione russa nel territorio liberato nel campo della denazificazione, la creazione di un tribunale per i crimini contro l'umanità nella ex Ucraina. 

A questo proposito, la Russia dovrebbe agire come custode dei processi di Norimberga. Tutto ciò significa che per raggiungere gli obiettivi della denazificazione è necessario il sostegno della popolazione, il suo passaggio dalla parte della Russia dopo la liberazione dal terrore, dalla violenza e dalla pressione ideologica del regime di Kiev, dopo il ritiro dall'isolamento informativo. 

Naturalmente, ci vorrà un po' di tempo perché la gente si riprenda dallo shock delle ostilità, perché si convinca delle intenzioni a lungo termine della Russia - che "non sarà abbandonata". È impossibile prevedere in anticipo esattamente in quali territori una tale massa di popolazione costituirà una maggioranza criticamente necessaria. La "provincia cattolica" (l'Ucraina occidentale come parte di cinque regioni) difficilmente diventerà parte dei territori filorussi. 

La linea di alienazione, tuttavia, sarà trovata empiricamente. Rimarrà ostile alla Russia, ma un'Ucraina forzatamente neutrale e smilitarizzata con il nazismo formalmente vietato. Gli odiatori della Russia andranno lì. La garanzia della conservazione di questa Ucraina residua in uno stato neutrale dovrebbe essere la minaccia di una continuazione immediata dell'operazione militare in caso di mancato rispetto dei requisiti elencati. Forse questo richiederà una presenza militare russa permanente sul suo territorio. Dalla linea di esclusione al confine russo ci sarà un territorio di potenziale integrazione nella civiltà russa, che è antifascista nella sua natura interna. 

L'operazione di denazificazione dell'Ucraina, iniziata con una fase militare, seguirà la stessa logica delle fasi in tempo di pace di un'operazione militare. In ognuna di esse, sarà necessario ottenere cambiamenti irreversibili, che diventeranno i risultati della fase corrispondente. In questo caso, le fasi iniziali necessarie della denazificazione possono essere definite come segue:  

  • liquidazione delle formazioni armate naziste (il che significa qualsiasi formazione armata dell'Ucraina, comprese le Forze Armate dell'Ucraina), così come l'infrastruttura militare, informativa, educativa che assicura la loro attività; 
  • la formazione di organi pubblici di autogoverno e di milizia (difesa e applicazione della legge) dei territori liberati, proteggendo la popolazione dal terrore dei gruppi nazisti clandestini; 
  • l'installazione dello spazio informativo russo; 
  • il ritiro del materiale didattico e la proibizione dei programmi educativi a tutti i livelli che contengono linee guida ideologiche naziste; 
  • azioni investigative di massa per stabilire la responsabilità personale per i crimini di guerra, i crimini contro l'umanità, la diffusione dell'ideologia nazista, e il sostegno al regime nazista;  
  • l'epurazione, la pubblicazione dei nomi dei complici del regime nazista, coinvolgendoli nei lavori forzati per ripristinare le infrastrutture distrutte come punizione per le attività naziste (tra coloro che non saranno soggetti alla pena di morte o al carcere); 
  • l'adozione a livello locale, sotto la supervisione della Russia, di atti normativi primari di denazificazione "dal basso", il divieto di ogni tipo e forma di ripresa dell'ideologia nazista l'istituzione di memoriali, cartelli commemorativi, monumenti alle vittime del nazismo ucraino, perpetuando la memoria degli eroi della lotta contro di esso; 
  • l'inserimento di un complesso di norme antifasciste e di denazificazione nelle costituzioni delle nuove repubbliche popolari; 
  • la creazione di organi permanenti di denazificazione per un periodo di 25 anni. 
La Russia non avrà alleati nella denazificazione dell'Ucraina. Poiché questo è un affare puramente russo. E anche perché non solo la versione Bandera dell'Ucraina nazista sarà sradicata, ma anche e soprattutto il totalitarismo occidentale, i programmi imposti di degradazione e disintegrazione della civiltà, i meccanismi di sottomissione alla superpotenza dell'Occidente e degli Stati Uniti. 

Per mettere in pratica il piano di denazificazione dell'Ucraina, la Russia stessa dovrà finalmente separarsi dalle illusioni europeiste e filo-occidentali, realizzarsi come ultima istanza di protezione e conservazione di quei valori dell'Europa storica (il Vecchio Mondo) che la meritano e che l'Occidente ha infine abbandonato, perdendo la lotta per se stesso. 

Questa lotta è continuata per tutto il XX secolo e si è espressa nella guerra mondiale e nella rivoluzione russa, inestricabilmente legate tra loro. La Russia ha fatto tutto il possibile per salvare l'Occidente nel XX secolo. Ha realizzato il principale progetto occidentale, un'alternativa al capitalismo, che ha vinto gli stati nazionali - un progetto socialista, rosso. Ha schiacciato il nazismo tedesco, un prodotto mostruoso della crisi della civiltà occidentale. 

L'ultimo atto di altruismo russo è stata la mano tesa di amicizia della Russia, per la quale la Russia ha ricevuto un colpo mostruoso negli anni '90. Tutto ciò che la Russia ha fatto per l'Occidente, l'ha fatto a proprie spese, facendo i più grandi sacrifici. L'Occidente alla fine ha rifiutato tutti questi sacrifici, ha svalutato il contributo della Russia alla risoluzione della crisi occidentale e ha deciso di vendicarsi della Russia per l'aiuto che ha disinteressatamente fornito. 

D'ora in poi, la Russia andrà per la sua strada, senza preoccuparsi del destino dell'Occidente, contando su un'altra parte del suo patrimonio - la leadership nel processo globale di decolonizzazione. Come parte di questo processo, la Russia ha un alto potenziale di partnership e alleati con i paesi che l'Occidente ha oppresso per secoli e che non hanno intenzione di mettere di nuovo il suo giogo. Senza il sacrificio e la lotta russa, questi paesi non sarebbero stati liberati. 

La denazificazione dell'Ucraina è allo stesso tempo la sua decolonizzazione, che la popolazione dell'Ucraina dovrà capire mentre comincia a liberarsi dall'intossicazione, dalla tentazione e dalla dipendenza della cosiddetta scelta europea.